Informativa relativa alla gestione delle morosità

Informativa relativa alla gestione delle morosità

Informativa ai sensi dell’articolo 10bis della delibera dell’Autorità per l’energia elettrica ed il gas n.4/08 così come modificata ed integrata dai successivi provvedimenti Gentile Cliente se Lei non paga entro la scadenza indicata sulla bolletta, Le invieremo una raccomandata (non è necessario l’avviso di ritorno) che specifica il termine ultimo di pagamento che non potrà essere inferiore a 15 giorni dalla data di invio.

La raccomandata inoltre indicherà:

  • le modalità con cui il cliente deve comunicare l’avvenuto pagamento (telefono, fax ecc.);
  • il termine oltre il quale, se il cliente continua a non pagare, sarà effettuata la sospensione della fornitura;

l’eventualità che, se le condizioni tecniche del contatore lo consentono, prima della sospensione della fornitura la potenza verrà ridotta a un livello pari al 15% della potenza disponibile.

Se, per esempio, il contratto prevede una potenza massima di 3,3 kW, essa verrà ridotta a 495 W, consentendo così un uso, sia pure minimo, di alcune apparecchiature elettriche. Se il cliente continua a non pagare, dopo 15 giorni di riduzione della potenza la fornitura verrà sospesa.

Nel caso in cui il pagamento non venisse effettuato, non potremo sospendere la fornitura prima di 3 giorni lavorativi, a partire dall’ultimo giorno utile per il pagamento indicato nella raccomandata di messa in mora.

Se non rispettiamo le regole di cui sopra, saremo obbligati a risarcire il cliente.

Per quanto riguarda la sospensione della fornitura e/o la riduzione della potenza, gli indennizzi automatici a favore del cliente sono previsti nei seguenti casi:

  • 30 euro se non è stata inviata la raccomandata di messa in mora;
  • 20 euro se saremo in grado di documentare il giorno di invio della raccomandata, nella quale però il termine ultimo per il pagamento risultava inferiore a 15 giorni solari dall’invio della raccomandata;
  • 20 euro se non saremo in grado di documentare il giorno di invio della raccomandata, ed avremo consegnato la comunicazione di messa in mora al servizio di spedizione postale oltre 3 giorni lavorativi dalla data della sua emissione;
  • 20 euro se non saremo in grado di documentare il giorno di invio della raccomandata, nella quale però il termine ultimo per il pagamento risultava inferiore a 20 giorni solari dall’emissione della comunicazione di messa in mora;

20 euro se la sospensione della fornitura è stata richiesta prima che fossero trascorsi 3 giorni lavorativi dalla scadenza del termine ultimo per il pagamento.

Gli indennizzi automatici saranno corrisposti non oltre 8 mesi dal verificarsi della sospensione.

Nei casi in cui dovremo riconoscere l’indennizzo, al cliente non possono essere fatti pagare gli oneri previsti in caso di sospensione e riattivazione della fornitura.

Condividi questo post